Buccellati siciliani dolci delle feste

Buccellati siciliani dolci delle feste

Difficoltà: Intermedio Tempo di preparazione Tempo di cottura 15 mins Tempo di riposo Tempo totale 3 ore 15 min
Porzioni: 8
Stagione migliore: Inverno

Descrizione

Oggi prepariamo insieme i Buccellati Siciliani dei dolci tipici natalizi che profumano di spezie e miele, formati da una crosta biscottata croccante con un morbido ripieno e una glassa deliziosa colorata da zuccherini che solo a vederli fanno subito Natale.
Il nome Buccellati deriva dal latino “buccellatum” cioè pane da mangiare a buccelli o piccoli bocconi. L'etimologia si pensa derivi dalla parola "buccina" che era una tromba ricurva e rotonda che utilizzavano i legionari romani. Da questa, si ricavò il termine "buccella" il pane a forma di ciambella realizzato con un impasto che mescolava insieme tutti gli ingredienti su un ripiano, aggiungendo dell'acqua o del latte per legarli. Gli imperatori romani distribuivano questo pane al popolo tramite l'incaricato, che chiamavano "buccellaro" e da qui il nome "buccellato". In seguito, nei secoli, quando la pasticceria si raffinò si formavano due impasti diversi, uno per l'esterno croccante e uno morbido e ricco per il ripieno. Da li a poco il dolce finito venne collocato nel periodo arabo-normanno e per gli ingredienti tipici delle zone mediterranee divenne un dolce utilizzato sulle tavole siciliane durante il periodo natalizio.
Non vi nego che la preparazione dura due giorni, ma soltanto perché il ripieno deve riposare in frigo, per il resto lo sapete.. tanta pazienza e amore, per cucinare qualcosa di speciale da donare a chi si vuol bene. Qui in Sicilia ogni famiglia ha la propria ricetta di famiglia per questi dolci, oggi vi dono la mia. Inoltre per la forma, sembrano delle ghirlandine natalizie quindi che aspettate..andiamo a preparare.
Passa a trovarmi sulla mia pagina FB.

Ingredienti

Ingredienti per il ripieno

Ingredienti per la glassa

Istruzioni

  1. Buccellati Siciliani

    Il giorno prima, prepariamo il ripieno. Mettiamo i fichi secchi dentro una ciotola con acqua tiepida per 30 minuti. Preleviamo i fichi dalla ciotola e asciughiamoli con un canovaccio o carta assorbente, versiamoli nella ciotola del mixer e aggiungiamo: mandorle, cioccolato fondente, frutta candita, cannella, chiodi garofano. Azioniamo il mixer e tritiamo tutti gli ingredienti.

    Io utilizzo questo strumento per tritare e montare, che ho acquistato su Amazon*:

    Nessun prodotto trovato.
    Nessun prodotto trovato.

    Spostiamo il composto ottenuto dentro una pentola, aggiungiamo miele e acqua. Lasciamo cuocere a fuoco dolce per qualche minuto, mescolando con una spatola fino a che l'acqua non sia completamente evaporata, attenzione a non farlo bruciare. Riversiamo il composto dentro una ciotola in vetro lasciamo raffreddare completamente, copriamo con pellicola e riponiamo la ciotola in frigo.

    Il giorno dopo, impastiamo la frolla, mettiamo farina, zucchero, strutto e lievito nell'impastatrice, montiamo il gancio a foglia e azioniamola, aggiungiamo l'uovo leggermente sbattuto. Appena l'uovo verrà assorbito dalle polveri, aggiungiamo il latte e il sale, formiamo un panetto, avvolgiamolo nella pellicola trasparente e lasciamo riposare in frigo per circa 30 minuti.

    Ecco gli strumenti necessari:

    #pubblicità

    Buccellati Siciliani
  2. Prendiamo la frolla e stendiamola su un ripiano infarinato formando un rettangolo dallo spessore di pochi millimetri. Tagliamo dei rettangoli larghi circa 3 cm, prendiamo il ripieno bagnandoci leggermente le mani e formiamo un lungo tubolare, facciamo attenzione il ripieno è appiccicoso quindi svolgiamo questa operazione velocemente. Posizioniamo il ripieno al centro del rettangolo di frolla e chiudiamo la frolla sigillando bene con la punta delle dita, stendiamo con le mani formando un salsicciotto, tagliamo la lunghezza desiderata per formare i buccellati siciliani e richiudiamo le estremità saldandole al centro. Adesso la parte più divertente, prendiamo delle forbici da cucina e pizzichiamo la parte superiore del buccellato girando le punte ottenute formando dei riccioli o delle spirali. Disponiamo i buccellati siciliani su una teglia rivestita da carta forno e inforniamo in forno caldo a 180° per circa 15 minuti.

  3. Nel frattempo prepariamo la glassa, montiamo l'albume a neve, aggiungiamo il succo di limone e lo zucchero a velo. Fino a ottenere un composto bianco lucido e cremoso. Sforniamo i biscotti e con un pennello spalmiamo la glassa, spargiamo sopra gli zuccherini colorati e rimettiamo in forno abbassando la temperatura a 100° lasciamo asciugare per 5 minuti. Spegniamo il forno e socchiudiamo lo sportello lasciandoli raffreddare del tutto. Poi mettiamoli su un vassoio e lasciamo asciugare per bene. Io li lascio una notte intera a temperatura ambiente.

  4. Il giorno dopo saranno asciutti e bellissimi per creare delle confezioni regalo per amici e parenti. Inoltre si conservano per 15 giorni dentro una scatola per biscotti o barattolo di vetro.

    Potrebbero interessarvi anche:

    Biscotti all’olio buonissimi- Pronti in 15 minuti

    Torta Pandispagna e Ganache al Cioccolato

    Grazie per aver preparato questa ricetta insieme a me, ricordate di mandarmi la foto se la realizzate, sarò orgogliosa di mostrarla nel mio Album delle ricette provate dai fan, sulla pagina FB.

    Spero la mia ricetta vi sia piaciuta.

    Vi aspetto alla prossima Melizia.

    Link social dove seguirmi:
    Pagina facebook Melizie in Cucina
    Canale youtube Melizie
    Melizie in Cucina Pinterest
    Twitter Melizie in Cucina

Melita Manola

Melita Manola

Mi chiamo Melita, una vera catanese con un cuore pulsante di origini spagnole. Sono innamorata dell'arte culinaria, un amore che si esprime nella preparazione di piatti tradizionali e al tempo stesso semplici e veloci, accessibili a chiunque voglia cimentarsi in cucina. La mia passione si è evoluta nel tempo, con un focus particolare sui lievitati, sia dolci che salati. Ho affinato le mie tecniche, tanto da poter dire con orgoglio di ottenere a casa prodotti che potrebbero tranquillamente essere venduti in un panificio o in un bar.

Il mio desiderio di imparare e sperimentare non conosce limiti; amo spaziare dai primi piatti ai secondi, senza dimenticare antipasti e contorni, perfezionando i metodi della tradizione culinaria italiana. Non trascurando mai la praticità e la presentazione dei piatti, credo che l'occhio voglia la sua parte.

La mia gentilezza e pazienza sono i miei strumenti migliori per condividere tutto quello che apprendo con chi mi segue. Quindi, preparatevi a un viaggio tra sapori e colori, perché insieme cucineremo piatti che rallegreranno la vista e delizieranno il palato!

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *