Gelato al pistacchio di Bronte

Gelato al Pistacchio di Bronte senza addensanti

Gelato al pistacchio di Bronte

Difficoltà: Principiante Tempo di preparazione 40 mins Tempo di riposo 2 hrs Tempo totale 2 ore 40 min
Porzioni: 8
Stagione migliore: Adatto tutto l'anno

Descrizione

Oggi prepariamo insieme il Gelato al pistacchio di Bronte, senza addensanti e latte condensato, prepariamo il gelato quello 'vero' quello con panna e latte e tanti pistacchi freschissimi dal gusto pieno, croccante e con il sapore della Sicilia che si scioglie in bocca.
Passate a trovarmi sulla mia pagina FB, vi aspetto!

Ingredienti

Istruzioni

  1. Gelato al pistacchio di Bronte

    Per preparare questo buonissimo gelato vi consiglio di utilizzare la macchina del gelato, la utilizzo da due anni ormai e mi trovo benissimo. In fondo alla ricetta trovate anche il metodo per fare il gelato senza gelatiera.

    Nessun prodotto trovato.
    Nessun prodotto trovato.

    Cominciamo mettendo i pistacchi a bagno in acqua bollente per 10 minuti, scoliamo l'acqua e spelliamoli, con questo metodo sgusceranno facilmente dalla pellicina. Asciughiamo i pistacchi accuratamente, adesso possiamo passarli in forno a 90°C per circa 10 minuti girandoli sempre senza farli scurire troppo, oppure, lasciarli al naturale come ho fatto io, così manterranno un bel colore verde brillante, poi lasciamoli raffreddare e tritiamoli con 30 g di zucchero prelevati dal totale degli ingredienti, lasciandone qualcuno intero per la decorazione.

  2. Scaldiamo leggermente il latte con la bacca di vaniglia e i semi, uniamo lo zucchero, mescoliamo fino a scioglierlo completamente, lasciamo quindi raffreddare.

    Togliamo la bacca di vaniglia, uniamo la panna fresca e i pistacchi, mescoliamo, azioniamo la macchina del gelato, versiamo la base gelato e lasciamola in azione per circa 30 minuti.

  3. Versiamo il gelato dentro una vaschetta da freezer e mettiamo in freezer per almeno due ore prima di consumarlo.

    Vedrete, sarà cremoso e buonissimo, da porzionare subito, senza aspettare che si ammorbidisca.

    Consiglio: se non avete la gelatiera niente paura, potete preparare il gelato al pistacchio lo stesso. Preparate il composto seguendo le istruzioni in ricetta, versatelo dentro la vaschetta da freezer e lasciate congelare per circa 1 ora. Prendete la vaschetta e con un frullatore a immersione frullate il gelato per qualche minuto, riponete in freezer e ripetete l'operazione ogni 30 minuti per altri 3 cicli. Se non avete il frullatore a immersione procedete con delle fruste elettriche a velocità minima.

    Inoltre, se amate un gusto più croccante, potete tostare i pistacchi nella fase iniziale di preparazione, prima di tritarli con lo zucchero e aggiungerli alla base del gelato.

    Il gelato si conserva mantenendo integri tutti i sapori in freezer per circa 1 mese.

    Potrebbe interessarvi anche:

    Gelato al limone senza uova e addensanti

    Millefoglie alla crema ciocco-caffè

    Grazie per aver preparato questa ricetta insieme a me, ricordate di mandarmi la foto se la realizzate, sarò orgogliosa di mostrarla nel mio Album delle ricette provate dai fan, sulla pagina FB. Spero la mia ricetta vi sia piaciuta, vi aspetto alla prossima Melizia.

    Link social dove seguirmi:
    Pagina facebook Melizie in Cucina
    Canale youtube Melizie
    Melizie in Cucina Pinterest
    Twitter Melizie in Cucina

    *"Presenza di link di affiliazione su cui si ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni dei prezzi." "#adv" "Link sponsorizzati inseriti nella pagina".

Melita Manola

Melita Manola

Mi chiamo Melita, una vera catanese con un cuore pulsante di origini spagnole. Sono innamorata dell'arte culinaria, un amore che si esprime nella preparazione di piatti tradizionali e al tempo stesso semplici e veloci, accessibili a chiunque voglia cimentarsi in cucina. La mia passione si è evoluta nel tempo, con un focus particolare sui lievitati, sia dolci che salati. Ho affinato le mie tecniche, tanto da poter dire con orgoglio di ottenere a casa prodotti che potrebbero tranquillamente essere venduti in un panificio o in un bar.

Il mio desiderio di imparare e sperimentare non conosce limiti; amo spaziare dai primi piatti ai secondi, senza dimenticare antipasti e contorni, perfezionando i metodi della tradizione culinaria italiana. Non trascurando mai la praticità e la presentazione dei piatti, credo che l'occhio voglia la sua parte.

La mia gentilezza e pazienza sono i miei strumenti migliori per condividere tutto quello che apprendo con chi mi segue. Quindi, preparatevi a un viaggio tra sapori e colori, perché insieme cucineremo piatti che rallegreranno la vista e delizieranno il palato!

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *